domenica, dicembre 16, 2007

SONO MORTA MA VOGLIO RINASCERE

amarax Età: 51 Sono passati 2 anni.Era luglio 2005. Avevo capito che qualcosa non andava in mio marito. Gli chiesi un bilancio. Era il ns 23esimo anniversario delle ns nozze.Non impiegai molto.Mi disse che aveva una simpatia.Non disse chi,non voleva farmi soffrire più del necessario. Andammo invacanza. persi 12 kg. Non mangiavo non dormivo e fingevo.Con mia figlia che erac on noi.Poi tornati a casa lui disse a me "ti amo".Stavamo insieme come 2fidanzatini ma la storia mi aveva lacerato l'anima. Alla lettera. Ancora sto così. Nel corso di questi 2 anni ho scoperto che l'altra era una collega d'ospedale.Che ha 16 anni meno di me,19 meno di lui.Che non era una "simpatia" ma amore. Lui si è dichiarato sdoppiato. Ho voluto parlare con lei quando scoprii che era una relazione vera. Nessuna recriminazione nè accusa. Scopro che lei voleva una storia "normale" xchè il amrito è bisex. Ilmio aveva detto a lei (non a me) che eravamo(??) in crsi e quindi...mi dice anche che aveva avuto qualche "avviso" che lui era...abituato a lle relazioni... di guardarsi dalle avances. Lei era stata avvista .Io che lo conosco da quando avevo 14 anni non lo avevo capito. Mai prima di allora.Il mio mondo. ilmio passato in cenere.Ho sbagliato a parlare con lei. A dic 2006 lei ha un ritardo.Lui non ne vuole spaere.Lei chiama me x dirmi che io sono x bene e lui no.Che non lo stima.Che non ci lavora più insieme.Io crollo. Avevo sopseso il amtrimonio con lui x dargli il tempo necessario a realizzare che delle due amasse.Niente da fare. Continuava in parallelo con entrambe.Sospeso il amtrimonio gli ho detto che aveva due amanti...xchè stava sia con me che conlei...Il ritardo...pensavo che fosse finita.Ho controllato il suo cellulare e scopro che non comapre nessuna chiamata:tutto cancellato.Pensai è finita...se cancella ha da nasconder.mi conferma che la storia è iniziata di nuovo. Altrevacanze quellle di quest'anno. Le mie crisi con lui x cercare di ricondurlo ad una sola viat,non necessariamente la nostar naufragano miseramente.Ho capito che lui non vuole venirne fuori. Questa storia è importante almeno quanto la nostra. Lui vuole me e lei.Io ho detto basta.Sono stanca di soffrire. Di aspetatre.Ho fatto di tutto. Terapia x la depresiione..sia medica cheomeopatica. Massaggi shatzu...incontri con uno psicoterapeuta. Non è servito. Lui avrebbe dovuto cercare si separarsi da me o da lei.Non vuole farlo.Ho sbagliato tutto.Ho sbagliato a non metterlo alla porta subito.A non attaccare subitoquets astoria.Speravo lui capisse che voleva solo me.Non lo ha fatto.Non è servito il mio dolore, il mio amore che gli ho mostrato in tutti i modipossibili...non è srvita l'offesa che mi ha fatto lei con quella telefonata "auguro a te quello che tu auguri a me...2 come se io volessi il suomale.Chairamente lei non sa quello che ho detto alui:vai con lei. Falle fare un'ecografia.Vedi che emozione provi...ti sbatto io fuori e ti faci,lito ilcompito.Pe rcontro lei disse che s e c'era lo teneva con lei e lo faceva passare x il marito.Questo non l\'avrei permesso.L'avrei detto io al amrito.Spero che almeno questo le sia arrivato. Ma...non mi interessa più. Non ho nessun rimorso.ho fatto di tutto x salvare il mio amore e...lui. Non ci sono riuscita. Ho perso.Lui.Recupero la mia dignità-la mia pulizia interiore. Non sono complice di niente e di nessuno. Sono morta ma voglio rinascere.

2 commenti:

rosy 50 ha detto...

Anche mio marito negava finchè non poteva più: non poteva più negare l'esistenza di un ragazzo di 5 anni (mi dolora chiamarlo figlio, lo ammetto!).
Mio marito e "l'altra" hanno fatto tanto male: ai rispettivi congiugi, ai figli. Ho tenuto duro.
Anch'io non avrei mai pensato prima che mio marito fosse capace di tanto male e non alludo alla relazione extra, ma alle bugie e alle cattiverie, all'egoismo. Mio marito asseriva all'altra che MAI avrebbe lasciato sua moglie (forse sapeva che non lo avrei lasciato, questo mi fa ridere!) o così blatterava la Signora con le sue "amiche" e così ero il bersaglio di tanta vigliaccheria.
Ho cercato la mia dignità giorno dopo giorno per me stessa e per mia famiglia. Ho dato uno scopo al dolore e bene o male sono qui, con qualche ammaccatura, ma ancora capace di apprezzare una bella giornata, un libro, l'amicizie vere e i miei figli. Non e' stato facile. E' stato un lavoro lungo molti anni e non ancora terminato.
Ho accettato l'aiuto di chi mi vuole bene. Ho cercato di "fare finta di niente".
Sono convinta che mio marito non accetti l'altro figlio. Sò che spesso ha rinfacciato all'altra la sua nascità mentre con me non ha mai osato. Penso che sia l'insulto più grande che un uomo possa dare a una donna. D'altronde non si possa obbligare certe scelte e si pagano gli scotti, e questo lo asserisco senza alcuna soddisfazione. E' solo un dato di fatto.
Ho accettato la relazione che mio marito debba trattenere con il "l'altro"; non faccio niente per impederla, perche' non sarebbe giusto, perchè cero di ambire a un minimo di decoro! Noto l'atteggiamento di mio marito in questa situazione che lui si e' creata in parte, ma ho deciso, in qualche modo, di crearmi qualcosa di mio, per essere più forte, per il benessere mio e dei miei ragazzi.
Non dico di non provare rancore e questo e' doloroso. E' la mia sconfitta! Non dico di non provare risentimento. Sono brutti sentimenti che portano al NULLA e questo non voglio.
Certi dolori non spariscono. Fanno parte della vita come le cose belle. Ma il tempo mitiga. Importante e' migliorare, sapere che la vita offre tante opportunità per poterlo fare, per poter stare meglio. Questo e' salutare. Non bisogna mai perdere di vista la speranza.

Anonimo ha detto...

Ciao Rosy. Tu come stai? io meglio ma non bene. Vorrei parlare con te