lunedì, marzo 28, 2011

SONO STATA TRADITA DAI MIEI UOMINI E DAI MIEI TERAPEUTI

flora Età: 46
Sono stanca di soffrire, stanca di cadere ed ogni volta rialzarmi e continuare a provare. infanzia dura, non ne voglio nemmeno parlare.
A 18 anni soffrivo moltissimo ma pensavo che se mi fossi impegnata a conoscere ed a lavorare su me stessa un giorno avrei trovato un'equilibrio interiore in grado di farmi vivere abbastanza bene. Sono passati quasi 30 anni. circa 20 di psicoterapia.Eggià, mi sono sempre impegnata.Ho subito un plagio dal mio primo terapeuta, sono stata violentata da lui e convinta dalle sue parole ho vissuto con lui per 12 anni.ho abortito perchè ero debole ed ho fatto come lui diceva (era la seconda volta per me, ma pensavo che non sarei stata capace di vivere senza di lui....). poi lui è morto.ha voluto solo me vicino ed io mi sono fatta carico di tutto, io e lui in casa soli durante la malattia e la sua morte, non so come ho fatto...ma dopo, nonostante tutto il dolore,ho ricominciato a vivere.mi sono innamorata, ricambiata, di un uomo che gia conoscevo, era esattamente l'opposto dell'altro, avevo un tale bisogno di amare e di sentirmi viva (dopo tutti quegli anni a vivere la vita di un altro), che ho spalancato il mio cuore come se io stessa fossi il cielo!Potevo essere un pò felice anch'io!ho desiderato un figlio da lui ma lui non poteva averne.che
grande dolore è ancora per me (questo desiderio è la punizione pr aver ucciso i miei piccoli...). Dopo poco ho scoperto di essere stata tradita da lui in un modo assurdo ed inaspettato visto la potenza dei sentimenti che manifestava nei miei confronti. si è liberato di quest'altra donna solo dopo due anni terrificanti, in cui mi ripeteva che non sapeva scegliere (di fato è stata lei ad andarsene).prima di questo evento la terapeuta che mi seguiva aveva accettato anche lui in terapia e questo non ha facilitato le cose, mi sono sentita tradita anche da lei perchè era a conoscenza delle sue menzogne. lascio perdere tante altre cose che peggiorano solo il quadro, non c'è spazio qui.non ho più nessuna fiducia.ho fatto così tanta fatica che non ce la faccio più.sono solo piena di dolore.e sempre più frequentemente penso alla morte.mi trattengo perchè non voglio causare dolore, ma non ce la faccio più, voglio solo che tutto questo dolore finisca,non so perchè scrivo, forse voglio solo trovare un pò di sollievo per resistere ancora un pò. chi si toglie la vita lascia tanto dolore dietro di se, non è quello che vorrei. non era questo che volevo, mi dispiace tanto....

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Cara Flora il tuo dolore è il dolore di tante di noi che non riescono a trovare amore in se stesse e lo cercano prevalentemente negli altri. Sai di essere una donna forte, fortissima, altrimenti non avresti potuto sopportare tutto questo. Ti prego tirati su. Baci P.

terra ha detto...

Flora non sei sola siamo in tante e dobbiamo stare vicine e sostenerci,non so fino ache punto siamo noi il problema o quanto sia anche il fato, ma ora l'unica cosa che conta è unire le nostre forze e andare avanti.Cerca la pace e niente altro.
Maria

Anonimo ha detto...

Cara Flora,il tuo dolore riesco a sentirlo...perfino la voglia di abbandonarsi per sempre.Eppure sono certa che un giorno all'improvviso ti ritroverai a guardare il sole,sentirne il calore e apprezzarlo ancora. Un abbraccio. Angel.